Chiarimenti sull’aliquota Iva da applicare alla costruzione di strutture assistenziali per autistici

 



La costruzione di strutture assistenziali per autistici sconto l’Iva del 10% in quanto usufruiscono delle medesime agevolazioni fiscali previste per le abitazioni civili (Agenzia entrate – risposta 11 febbraio 2020, n. 41).


 


Le agevolazioni fiscali e tributarie previste per la costruzione di case civili sono validamente applicabili anche agli edifici scolastici, alle caserme, agli ospedali, alle case di cura, ai ricoveri, alle colonie climatiche, ai collegi, agli educandati, agli asili infantili, agli orfanotrofi e simili.


Di conseguenza, qualora gli edifici da costruire siano qualificabili come “case di cura” o “ricoveri” o strutture similari, si applica l’aliquota IVA del 10%, prevista per la costruzione delle abitazioni civili, fermo restando che le caratteristiche strutturali e la destinazione/conduzione dell’intero complesso rispecchino effettivamente e in modo univoco, anche catastalmente, le descritte finalità, nel rispetto ovviamente della normativa di settore.


Qualora la struttura sia realizzata sulla base di un unico contratto di appalto con un corrispettivo unico forfettario, l’intera prestazione deve essere soggetta all’aliquota IVA più elevata.