Coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali, contributi per l’anno 2018



L’Inps comunica gli importi dei contributi obbligatori dovuti, per l’anno 2018, da coltivatori diretti, coloni, mezzadri e imprenditori agricoli professionali


Come noto, il calcolo dei contributi IVS dovuti dai coltivatori diretti, coloni, mezzadri ed imprenditori agricoli professionali si basa sulla classificazione delle aziende nelle quattro fasce di reddito convenzionale, in considerazione del reddito agrario dei terreni condotti e/o a quello determinato dall’allevamento degli animali. La contribuzione dovuta è determinata moltiplicando il reddito medio convenzionale, stabilito annualmente con decreto ministeriale sulla base della media delle retribuzioni medie giornaliere degli operai agricoli, per il numero di giornate corrispondenti alle fascia di reddito in cui è inserita l’azienda e applicando al risultato le aliquote percentuali di seguito riepilogate.

















  Zona normale Zona svantaggiata
Anno Maggiore di 21 anni Minore di 21 anni Maggiore di 21 anni Minore di 21 anni
dal 2018 24,0% 24,0% 24,0% 24,0%


Pertanto dall’anno 2018, l’aliquota da applicare ai coltivatori diretti, mezzadri, coloni e imprenditori agricoli professionali comprensiva del contributo addizionale del 2%, è pari al 24,0% per tutti i soggetti, senza distinzione né di ubicazione né di giovane età.
Per l’anno 2018, il contributo annuo dovuto ai fini della copertura degli oneri derivanti dall’erogazione dell’indennità giornaliera di gravidanza e puerperio è fissato nella misura di 7,49 euro, per ciascuna unità attiva iscritta nella Gestione speciale dei coltivatori diretti, mezzadri e coloni nonché per gli imprenditori agricoli professionali.
Parimenti, con riferimento all’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, il contributo resta fissato nella misura capitaria annua di 768,50 euro per le zone normali e di 532,18 euro per i territori montani e le zone svantaggiate. In ogni caso, per il medesimo anno, se l’azienda è rientrante negli elenchi individuati dall’Inail, è applicata la riduzione generalizzata di premi e contributi, fissata nella misura del 15,81%.
I termini di scadenza per il pagamento sono il 16 luglio 2018, il 17 settembre 2018, il 16 novembre 2018 e il 16 gennaio 2019.