Contratto di prestazione occasionale, le modalità di erogazione del compenso


Implementate le modalità di erogazione del compenso al prestatore con la previsione di un mandato di pagamento da presentarsi presso tutti gli sportelli di Poste Italiane per la riscossione.


Di recente, il Legislatore ha previsto innovazioni in merito alle modalità di erogazione del compenso del prestatore nell’ambito del Libretto famiglia e del Contratto di prestazione occasionale, introducendo la possibilità di riscuotere il compenso per il tramite di qualsiasi sportello postale. Di conseguenza, è possibile per il prestatore ottenere il pagamento del compenso, secondo una delle seguenti modalità:
1) tramite accredito delle somme sul conto corrente bancario indicato al momento della registrazione entro il giorno 15 del mese successivo a quello di svolgimento della prestazione;
2) tramite bonifico bancario domiciliato, in assenza di indicazioni sul conto corrente bancario, con spese di incasso (pari ad euro 2,60) a carico del prestatore e con valuta entro il giorno 15 del mese successivo. In tale ipotesi, Poste Italiane trasmette al prestatore una comunicazione con la quale si rappresenta la disponibilità delle somme entro il 15 del mese, riscuotibili presso qualsiasi Ufficio postale previa esibizione di documento di identità e della medesima comunicazione;
3) per il tramite di qualsiasi sportello postale a fronte della presentazione del mandato ovvero dell’autorizzazione di pagamento emesso dalla piattaforma informatica Inps, decorsi 15 giorni dal momento in cui la prestazione inserita nella procedura informatica è consolidata. A tal fine, l’utilizzatore, tramite la medesima procedura, deve validare l’avvenuto svolgimento della prestazione, al termine della stessa ed entro il giorno 3 del mese successivo. Il documento può essere stampato dall’utilizzatore e consegnato al prestatore, ma è anche disponibile nella sezione dedicata al prestatore per consentire a quest’ultimo di stamparlo autonomamente. Con tale documento il prestatore, debitamente identificato a cura dell’operatore di sportello dell’ufficio postale, può riscuotere il compenso presso qualsiasi sportello postale. Gli oneri di riscossione del compenso sono pari ad euro 1,75 euro e sono a carico del prestatore, con trattenuta sul compenso spettante per ogni singolo mandato di pagamento. Per quanto concerne gli utilizzatori che operano nei settori per i quali la durata della prestazione lavorativa è riferita ad un arco temporale fino a 10 giorni (ovvero, le imprese operanti nel settore dell’agricoltura, le aziende alberghiere e le strutture ricettive che operano nel settore del turismo, gli enti locali), essi possono procedere alla validazione della prestazione non appena esaurito il monte ore indicato nella stessa, anche in anticipo rispetto al termine dell’arco temporale indicato.