Evoluzione del modello organizzativo nelle Poste Italiane

Siglato il 7/7/2020, tra Poste Italiane S.p.A. e la SLC-CGIL, la SLP-CISL, la UILposte, la FAILP-CISAL, la CONFSAL Com.ni, la FNC UGL Com.ni, l’accordo che ha approfondito l’evoluzione del modello organizzativo da realizzare entro il mese di dicembre 2020.

Le Parti hanno approfondito l’evoluzione del modello organizzativo, con particolare riguardo alla rivisitazione delle figure professionali del settore commerciale presenti sia a livello di Macro Area che di Filiale, così come descritto nel documento allegato.
Le Parti convengono che l’implementazione del presente progetto di riorganizzazione dovrà avvenire entro il mese di dicembre 2020.
La ricollocazione del personale coinvolto, appartenente esclusivamente all’area Quadri – posizione retributiva A2, avverrà ferma restando la salvaguardia delle professionalità acquisite e coerentemente con i consueti criteri individuati dalle Parti in occasione dell’implementazione degli altri processi riorganizzativi che hanno interessato Mercato Privati – in ambito provinciale con applicazione delle previsioni contrattuali in materia; l’Azienda terrà in massima considerazione le eventuali istanze volontarie di ricollocazione al di fuori della provincia, se coerenti con le esigenze organizzative.
Qualora, applicato il criterio sopra definito, dovessero permanere esigenze di ricollocazione, l’Azienda avvierà per le risorse interessate un percorso formativo di riqualificazione professionale, da svolgersi presso un UP della provincia di attuale assegnazione, della durata massima di 18 mesi, durante il quale le risorse saranno applicate su attività di supporto al DUP.
Oltre al percorso sopra indicato, la realizzazione complessiva del progetto sarà accompagnata da iniziative formative orientate a rafforzare/sviluppare le professionalità di tutto il personale coinvolto. Tali iniziative formative, unitamente a quelle relative al percorso di riqualificazione professionale di cui al capoverso precedente, saranno esaminate nell’ambito dell’Ente Bilaterale per le Formazione e Riqualificazione Professionale.
Le azioni di riallocazione sopradescritte saranno oggetto di approfondimento anche a livello territoriale, nel corso di un incontro da svolgersi prima della prossima pausa estiva.