Individuate le politiche attive del lavoro nelle Poste Italiane

Siglato il 3/8/2021 tra POSTE ITALIANE S.p.A. e SLC-CGIL, SLP-CISL, UIL poste, FAILP-CISAL, CONFSAL Comunicazioni, FNC UGL Comunicazioni, il seguente accordo sulle politiche attive del lavoro.

Le Parti, nel condividere che l’impianto delle regole definite nel presente accordo avrà efficacia per il triennio 2021-2023, convengono sull’opportunità di effettuare verifiche periodiche in relazione alla declinazione temporale delle singole manovre e alle relative leve nonché con riferimento alle modalità tecniche d’implementazione dei processi.
Con riferimento al tema della mobilità volontaria, per il biennio 2021-2022 trova applicazione quanto stabilito nel Verbale di Accordo sottoscritto in data 4 maggio u.s. e nelle intese territoriali tempo per tempo vigenti. Le Parti concordano che l’Azienda procederà sulla base delle disponibilità organizzative, previo confronto a livello territoriale con le OO.SS. all’attivazione della mobilità provinciale, sia in ambito Mercato Privati che in PCL, quale leva propedeutica all’implementazione delle successive fasi, secondo le graduatorie in essere.
Successivamente, l’Azienda renderà noti a livello regionale i fabbisogni riservati allo scorrimento delle graduatorie di mobilità regionale.


Al termine dei processi di mobilità volontaria regionale, le disponibilità per singola Provincia – per l’individuazione geografica delle quali si terrà conto anche degli esiti delle precedenti fasi di mobilità volontaria – verranno coperte ricorrendo preliminarmente allo scorrimento della mobilità nazionale per il 50% delle disponibilità e, per l’ulteriore 50% (ovvero per la maggiore percentuale in caso di non completa copertura attraverso la mobilità nazionale), alle trasformazioni da part-time in full-time secondo le modalità previste dal successivo paragrafo 2. Inoltre, al fine di massimizzare i risultati e ridurre le tempistiche di realizzazione, con riferimento a quanto previsto al capoverso precedente le Parti convengono che per le province in cui una delle due leve risulti, totalmente o parzialmente, non attivabile le relative numeriche saranno rese sin da subito disponibili per l’altra leva.
Relativamente alla fase di mobilità nazionale in ambito MP, Azienda e OO.SS. convengono che, al fine di individuare le sedi interessate dalle disponibilità, non saranno tendenzialmente presi in considerazione gli Uffici Postali presso cui risultino impiegati lavoratori part-time potenzialmente interessati alla conversione a tempo pieno.
Le Parti condividono, in ottica di semplificazione dei processi, che anche la mobilità regionale sarà gestita attraverso lo specifico applicativo già in uso per la mobilità nazionale.
Al termine del processo di mobilità nazionale e fermo restando quanto indicato al paragrafo precedente, l’Azienda procederà all’attivazione delle trasformazioni da tempo parziale a tempo pieno.
Al fine di soddisfare le necessità di rafforzamento delle strutture di front end in ambito Mercato Privati, nonché di valorizzare le istanze interne di crescita e sviluppo del personale, saranno attivati percorsi di sportellizzazione, attingendo prioritariamente dai job posting pubblicati a seguito dell’Accordo del 14/1/2020 (la cui scadenza resta confermata al 31/12/2021) ed attivando, ove necessario, specifici ulteriori job posting aperti a tutti i settori aziendali, ferma restando in entrambi i casi la verifica sull’idoneità professionale all’attività di sportelleria. In proposito, l’Azienda conferma che al termine del processo di sportellizzazione relativo all’anno 2021, tutti i lavoratori che abbiano sostenuto il colloquio di idoneità professionale propedeutico all’inserimento sul ruolo di Operatore di Sportello riceveranno un feedback in merito all’eventuale esito negativo dello stesso.
Con riferimento alle assunzioni a tempo indeterminato per attività di recapito e smistamento, in coerenza con quanto disposto dall’art. 22 Comma IX del vigente CCNL, le Parti concordano che potranno concorrere alle assunzioni a tempo indeterminato i lavoratori che abbiano:
– prestato attività lavorativa con le medesime mansioni di Portalettere e/o Addetto di Produzione con uno o più contratti a tempo determinato per un periodo almeno pari a 6 mesi complessivi maturati a far data dall’1/1/2014 ed entro il 31 gennaio dell’anno in cui si darà avvio al processo assunzionale;
– manifestato la volontà di avvalersi del diritto di precedenza di cui all’art. 22 del vigente CCNL attraverso la propria registrazione sullo specifico applicativo aziendale, di volta in volta attivato successivamente alla comunicazione delle disponibilità da parte dell’Azienda, secondo quanto più avanti indicato; le Parti convengono che a tal fine sarà presa in considerazione unicamente la data di ricezione della domanda risultante dall’applicativo in parola e che, pertanto, ai fini in parola eventuali comunicazioni inviate all’Azienda con differenti modalità, anche da parte delle risorse in possesso dei previsti requisiti di adesione, non saranno efficaci e, quindi, non saranno prese in considerazione.
Alle assunzioni a tempo indeterminato sull’intero territorio nazionale potranno concorrere tutti i lavoratori che abbiano svolto prestazione di lavoro – indipendentemente dalla sede di applicazione – con contratto a tempo determinato e che rientrino nel bacino di risorse individuato secondo le modalità suindicate.