Seconda tranche di una Tantum ad ottobre per il CCNl Trasporto Merci

Spetta, con la retribuzione del mese di ottobre, la seconda tranche di una tantum per i dipendenti del CCNL logistica, trasporto merci e spedizione

Il CCNL è stato rinnovato il 18/5/2021, e ha previsto, a copertura del periodo di carenza contrattuale ai soli lavoratori in servizio al 18 maggio 2021,  l’erogazione di un importo forfettario lordo di 230,00 €., suddiviso in 3 parti:


– 100 € già erogati con la mensilità di luglio 2021;


– 50 € con la mensilità di ottobre 2021;


– 80 € con la mensilità di aprile 2022
Per il calcolo del valore mensile si deve prendere a computo gli effettivi mesi di carenza che sono determinati prendendo in considerazione esclusivamente i mesi di calendario quindi:
– 12 mesi per l’anno 2020 (Il CCNL è scaduto il 31.12.2019),
– 5 mesi per l’anno 2021 (il rinnovo del CCNL è stato siglato in data 18 maggio 2021).
Quindi i mesi di carenza sono 17; per determinare il valore del rateo mensile di Una Tantum occorre dividere il valore della Una Tantum per 17: valore mensile = € 13,52.
Tale valore va erogato ai lavoratori proporzionalmente alla loro presenza in servizio per i mesi cui l’Una Tantum si riferisce. Il criterio che si adotta è quello analogo alla maturazione dei ratei: con rapporto di lavoro che inizia o finisce nel mese ed ha meno della metà di copertura non matura il diritto a percepire la corrispondente quota di U.T.
Alcuni esempi:
– Lavoratore in forza a tempo pieno per l’intero periodo di carenza: €. 230,00
– Lavoratore in forza a tempo parziale (50%) per l’intero periodo di carenza €. 115,00
– Lavoratore assunto al 10 novembre 2020: 7 quote di U.T. (13,52*7) €. 94,64
– Lavoratore cessato prima del 18 maggio 2021 €. 0,00
– Lavoratore assunto dal 19 maggio 2021 €. 0,00
– Lavoratore che cessa dal 19 maggio che era in forza nell’intero periodo €. 230,00
Per i lavoratori che nel periodo hanno modificato l’orario, l’U.T.va riproporzionata in relazione alla dimensione del rapporto di lavoro nel periodo interessato dalla copertura.
Per i lavoratori assenti nel periodo con copertura retributiva a vari titoli (Maternità, Infortuni) l’U.T. va erogata.
Per i lavoratori in aspettativa non retribuita l’U.T. non va erogata proporzionalmente ai mesi del periodo di carenza nel quale non avevano diritto alla retribuzione.